Il recente hack subito dalla blockchain di Solana, per oltre $ 5 milioni, ha fatto notizia in tutti i media di settore. Adesso abbiamo scoperto che durante l’hacking, alcuni hacker “White Hat” (cappelli bianchi) hanno contrastato i malintenzionati contribuendo a rallentare il loro attacco.

È stato attraverso un attacco ai wallet mobili di Slope che gli hacker sono riusciti a derubare per più di 5 milioni di dollari. Con questo sistema sono riusciti a recuperare molte chiavi private, che gli hanno dato accesso ai fondi a un numero di portafogli digitali compreso tra 5 mila e 8 mila.

Durante le prime ore di questo attacco molti sviluppatori si sono riuniti per cercare di capire meglio le dinamiche dell’attacco in corso e come limitarne i danni. Uno di questi sviluppatori, SolBlaze, fondatore di una staking pool di Solana, ha quindi proposto una soluzione interessante per ostacolare il più possibile gli hacker.

I cappelli bianchi hanno limitato i dannisolana hack

Il principio è il seguente: utilizzare uno script per bloccare gli account degli hacker in modalità di scrittura, il che ha rallentato le loro transazioni. Sulla blockchain di Solana, qualsiasi transazione che modifichi un account, ad esempio una modifica del saldo, pone un blocco di scrittura su questo account per un breve periodo di tempo.

Lo sviluppatore ha quindi sfruttato questo aspetto a proprio vantaggio. Come afferma Michael Hubbard, fondatore e amministratore delegato di Laine, Solana Validator:

Lo sviluppatore pensava di poter attivare costantemente i blocchi di scrittura sugli account degli hacker. Così impedisce che le transazioni vengano eseguite correttamente.

Un modo per risparmiare tempo e limitare notevolmente i danni dei pirati informatici. Questo script è stato utilizzato da molti cappelli bianchi, gli hacker etici che vengono in aiuto ai protocolli o blockchain che sono sotto attacco.

Gli hacker “white hat” hanno quindi permesso al ponte Nomad di limitare i danni durante il suo recente hack. Secondo SolBlaze almeno 5-10 white hat hanno contribuito a rallentare l’hacking.

I risultati sono evidenti. Sempre secondo SolBlaze, solo 300 wallet hanno subito il furto di fondi durante l’ora in cui i cappelli bianchi hanno imbrigliato l’azione degli hacker con questo script. Prima del loro intervento erano più di 2.000 wallet all’ora ad essere svaligiati: una differenza notevole che ha sicuramente salvato molti utenti.

Come fidarsi di una criptovaluta che si guasta così spesso? È la domanda di molti analisti dell’ecosistema cripto: forse è meglio investire in altri progetti più innovativi e legati al metaverso come Battle Infinity.

Il tuo capitale è a rischio.

Uno script che funziona ma causa altri problemi

Nonostante l’efficacia di questa soluzione, ha anche causato un grave problema. Infatti, i server RPC, il cui ruolo è principale è quello di facilitare il traffico di rete, hanno fallito.

Tuttavia, secondo Michael Hubbard, è stata più una sfortunata coincidenza che ha rivelato un bug, più che una volontà deliberata.

Questo guasto ad alcuni server RPC ha reso più difficile l’accesso alla blockchain di Solana e in particolare ha impedito agli utenti di trasferire e custodire i propri fondi. Allo stesso modo, ha anche rallentato il lavoro di sviluppatori e specialisti della sicurezza che cercano di scoprire l’origine dell’attacco per fermarlo meglio.

Solblaze riassume le preoccupazioni causate da questo script e dal suo intenso spamming:

Era difficile utilizzare gli esploratori per tracciare le transazioni degli hacker ed era anche difficile per le persone trasferire i propri fondi dai propri wallet verso un luogo più sicuro.

Alla fine, i server RPC hanno ricevuto una correzione e sono stati in grado di riprendere il normale funzionamento. I team della Fondazione Solana hanno proseguito le loro ricerche e fatto luce sul ruolo del wallet Slope che ha causato la vulnerabilità sfruttata dagli hacker.

Questo caso mette in evidenza, oltre alle carenze di Solana, il ruolo fondamentale dei cappelli bianchi nell’ecosistema crypto. Grazie a questo script e nonostante le preoccupazioni che potrebbe aver causato, possiamo pensare che molti utenti abbiano evitato un furto dei loro fondi.

Questi hacker etici, veri esperti di sicurezza informatica, hanno permesso ancora una volta di limitare notevolmente l’entità del danno. Spesso individuati e criticati, questi hacker dimostrano che questa professione non è incompatibile con il bene comune.

Battle Infinity - Nuova crypto metaverso da 100x

Valutazione

  • Presale da 16.500 BNB
  • Gioco Metaverso a tema sportivo
  • Sviluppato con Unreal Engine
  • Verificato da Solid Proof e CoinSniper
  • Meccaniche Play to Earn

Resta Aggiornato

Unisciti agli oltre 100,000 iscritti e ricevi la nostra newsletter settimanale in cui potrai trovare informazioni sui trend recenti e più popolari, le notizie più interessanti e le analisi dei nostri esperti: così potrai assicurarti di essere sempre in anticipo sugli altri